William Hill - Centro assistenza Chiudi
  • Cambia Schermata
BONUS DI BENVENUTO FINO A 1000€. REGISTRATI ORA


Aiuto
Concessione N° 15038
 
 
Login
  • Scommesse
  • Casinò
  • Casinò Live
  • Slot
  • Vegas
  • Bingo
  • Poker

Mercato Italia: i numeri dell’Osservatorio Gioco Online relativi al 2016

Pubblicato il 04/06/2017

Un mercato che cresce del 25% e che raggiunge per la prima volta il valore di 1,03 miliardi di euro. Sono i numeri che meglio descrivono l’andamento del settore gioco online in Italia nel 2016, diffusi recentemente dall’Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano.

Numeri che rappresentano un mercato in salute, ma non per questo “aggressivo”: buona parte della crescita è legata infatti al contrasto del gioco irregolare e all’ampliamento dell’offerta, sempre più in linea con le ultime innovazioni di settore e con quanto disponibile all’estero. Grazie a queste azioni di contrasto e di ampliamento dell’offerta, i giocatori italiani non hanno più la convenienza a rivolgersi a operatori esteri senza licenza.

Protagoniste del gaming online in Italia sono tre categorie di giochi: i casinò games, le scommesse sportive e il poker, che nel complesso rappresentano il 90% del mercato. I primi hanno registrato una crescita del 35% nel 2016, arrivando a un valore di 441 milioni di euro e a una quota del 43% del mercato complessivo. Al secondo posto, per crescita e per quota, ci sono le scommesse sportive: +31% nel 2016, per un valore di 350 milioni di euro che rappresenta il 34% del totale. Continua invece il calo del poker, che nel complesso ha fatto registrare un -5%, scendendo a un valore di 138 milioni di euro e a una quota del 13% del mercato complessivo.

 

Giochi di casinò, scommesse online e poker (a torneo e cash) sono il 90% del mercato del gioco online. Il restante 10% è costituito da giochi come il Bingo, le scommesse su eventi virtuali, il lotto online e altri. Nel complesso, questo gruppo di giochi è in crescita: nel 2016 ha raggiunto i valore di 97 milioni di euro, contro gli 81 del 2015; tradotto in termini percentuali, l’aumento è stato del 20% in 12 mesi.