William Hill - Centro assistenza Chiudi
  • Cambia Schermata
BONUS DI BENVENUTO FINO A 1000€. REGISTRATI ORA


Aiuto
Concessione N° 15038
 
 
Login
  • Scommesse
  • Casinò
  • Casinò Live
  • Slot
  • Vegas
  • Bingo
  • Poker

Anche il Massachusetts è pronto a legalizzare il gioco online

Pubblicato il 05/03/2017

Lo stato americano del Massachusetts sta esaminando la possibilità di legalizzare il gaming online entro la fine del 2017, con l’obiettivo di mantenere competitiva la sua industria del gioco e in particolare le lotterie.

La tesoreria di stato ha creato una commissione speciale per il gioco online e i Fantasy Sports per definire un piano di azione che decida il futuro del gaming online all’interno dello stato, comprendendo prodotti come le slot machine online, la roulette, il blackjack e altri giochi da tavolo dei casinò.

Deborah Goldberg, della tesoreria di stato, avrebbe dichiarato al Sun Chronicle che le lotterie statali hanno una crescente concorrenza, legata alla creazione di nuovi casinò terrestri, ma anche al gaming online e alle nuove abitudini di acquisto degli utenti, sempre più orientati verso l’online. In questo scenario, per sostenere l’industria del gioco, il Massachusetts ha bisogno di nuove soluzioni. Ad esempio, lo stato guida la classifica nazionale di vendita di schede di Keno, ma si tratta di un mercato ormai saturo che si sta preparando ad un periodo di stagnazione.

Lo stato quindi si starebbe preparando a nuove soluzioni in grado di rianimare il settore del gioco, ma in questo stesso momento ci sono due casinò terrestri in costruzione è uno già attivo. Quest’ultimo, aperto nel giugno del 2015, non vede di buon occhio l’apertura al gaming online del Massachusetts: una scelta che, secondo i dirigenti del casinò, potrebbe affossare un settore economico che è appena agli inizi, quello appunto dei casinò terrestri.

 

Insomma, ci sono le premesse economiche per rivitalizzare il settore, ma la strada per arrivare ad una legalizzazione dei casinò online in Massachusetts potrebbe essere difficile. La preoccupazione principale è che si arrivi solo ad una vendita online di biglietti di lotteria e Keno, ma non ad una vera e propria liberalizzazione del mercato del gaming online.