William Hill - Centro assistenza Chiudi
  • Cambia Schermata
BONUS DI BENVENUTO FINO A 1000€. REGISTRATI ORA


Aiuto
Concessione N° 15038
 
 
Login
  • Scommesse
  • Casinò
  • Casinò Live
  • Slot
  • Vegas
  • Bingo
  • Poker
  • Mobile

Poker online e liquidità condivisa: sempre più vicino l’accordo tra Italia e Francia

Pubblicato il 07/03/2017

Italia e Francia stanno lavorando per arrivare ad una liquidità condivisa nel poker online, forse già nei primi mesi del 2017. Questo è quanto emerge dagli ultimi incontri che ci sono stati tra i vertici dell’ADM e dell’ARJEL, che stanno ponendo le basi per lanciare in tempi brevi la liquidità condivisa tra poker room italiane e francesi.

Questa sembra quindi essere finalmente la volta buona, visto che da entrambe le parti c’è la volontà di accelerare i tempi e di risolvere i problemi che ancora rimangono. Attualmente, l’ostacolo più importante da superare è quello della tassazione: poker room francesi e italiane hanno infatti tassazioni differenti e inoltre c’è l’ostacolo IVA (VTA), con aliquota diversa nei due paesi. Ostacoli difficili ma non insormontabili, che c’è la volontà di superarli da entrambe le parti.

Anche perché la posta in gioco è decisamente importante. Si tratta di rilanciare un intero mercato, quello del poker online, che altrimenti è destinato ad un declino inesorabile. Italia e Francia sarebbero i primi due paesi a siglare l’accordo, ma si prevede che in un secondo momento aderiranno anche Spagna e Portogallo, creando quindi un importante mercato europeo del poker online, che tornerebbe ad avere un forte ricambio e sarebbe decisamente più appetibile per i giocatori.

Non è escluso poi che in futuro si possa raggiungere una liquidità condivisa anche con il Regno Unito. In questo caso, i giocatori britannici avrebbero quindi la possibilità di scegliere se giocare nelle poker room punto com oppure nelle piattaforme con liquidità condivisa degli altri paesi europei.

 

Attendiamo quindi che tutte le soluzioni tecniche e legislative necessarie a dare il primo via al mercato unico Italia Francia siano studiate e messe in atto, per avere le prime piattaforme con liquidità condivisa. Potranno dare infatti un futuro al poker online, ma aprono anche nuovi scenari, con la possibilità di arrivare a forme di cooperazioni non limitate al solo poker online.